«Il cielo aperto» (Gv 1,51). Analitica del riconoscimento e struttura della fede nell'intreccio di desiderio e dono

«Il cielo aperto» (Gv 1,51). Analitica del riconoscimento e struttura della fede nell'intreccio di desiderio e dono

di Ferruccio Ceragioli

"In verità, in verità io vi dico vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell'uomo" (Gv 1,51). È questa la promessa che, come argomenta il presente volume, la relazione di riconoscimento, e, segnatamente, la relazione di riconoscimento con Gesù porta con sé: il cielo aperto, il dischiudersi della trascendenza (divina) come dedizione e cura per l'uomo che gratuitamente compie quel desiderio di riconoscimento che è al cuore delle relazioni interpersonali su cui si giocano il senso, la qualità e la bellezza della vita umana. L'obiettivo dell'opera è quello di offrire un'ampia analisi del fenomeno della relazione interumana di "riconoscimento", per poi tentare di elaborare una "teoria della fede" intesa come relazione di riconoscimento tra uomo e Dio, che scaturisce dall'interno della relazione di riconoscimento reciproco tra gli uomini.